Pompea Vergaro

“L’artista narra una vicenda che si ripete nel tempo della vita dell’uomo. Opera dinamica e teatrale, un pezzo di vita drammatico e suggestivo come su un palcoscenico dove tutto si compie tra colpi di scena e un dejà vu, in un monocromo raffinato e accattivante, in un rigore formale, scaturito dalla cura dei dettagli. L’opera riconduce ad una tecnica legata agli arazzi, quasi una tessitura, a voler sottolineare una nostalgia, un romanticheria, dove l’artista si rifugia e narra con fervida partecipazione vicende in atmosfere lontane, perché, sempre, il passato non duole più!”

(Pompea Vergaro)