Anna Francesca Biondolillo

“E’ proprio vera l’idea della sovrapposizione, risulta essere di grande impatto cromatico e se vogliamo, in un panorama artistico spesso privo di grandi innovazioni, realmente ipnotico. L’idea può tranquillamente essere riscontrata in passato, attraverso alcuni aspetti del primo manierismo, ma è proprio questo il coraggio di Anna Maria Saponaro, l’usare delle tecniche tradizionali (e spesso anche poco commerciali) quali l’acquerello e la china, trasformandoli in strumenti di innovativo linguaggio descrittivo sia dell’animo, delle varie condizioni esistenziali umane, che di realtà legate alla contemporaneità. Anna Maria Saponaro dà, quindi, prova non soltanto di una grande capacità tecnica e descrittiva ma anche di un grande potere <perforativo> , riuscendo ad andare oltre lo stesso tratto e gli stessi volumi, spingendo il fruitore dell’opera ad una dimensione ipnotica di incredibile e lirico trasporto.”

(Anna Francesca Biondolillo)